IMPATTO DEL REGOLAMENTO CE 765/2008

Il 1° gennaio 2010 il sistema di accreditamento nazionale cambia scenario.



Mancano pochi mesi all'applicazione del Regolamento europeo che pone norme in materia di accreditamento e vigilanza del mercato per quanto riguarda la commercializzazione dei prodotti.

Il Regolamento CE 765/2008 del Parlamento Europeo e del Consiglio fa parte di un "pacchetto" legislativo - che comprende anche la Decisione CE 768/2008 relativa a un quadro comune per la commercializzazione dei prodotti e il Reg. CE 764/2008 che stabilisce procedure relative all'applicazione di determinate regole tecniche nazionali a prodotti legalmente commercializzati in un altro Stato membro -, elaborato in sede di revisione del "Nuovo Approccio" per garantire e favorire la libera circolazione dei prodotti nell'UE attraverso un rafforzamento del mutuo riconoscimento delle norme tecniche nazionali e della vigilanza del mercato.

Il "Nuovo Approccio" - così definito in funzione del "Vecchio Approccio" dei primi anni Settanta, di cui ha recepito l'obiettivo dell'eliminazione delle barriere tecniche alla libera circolazione, in termini di armonizzazione dei requisiti e delle modalità di valutazione della conformità - ha portato, a partire dagli anni Ottanta, all'emanazione di un'articolata serie di direttive, cosiddette "del Nuovo Approccio", che hanno rappresentato un salto di qualità nella legislazione comunitaria finalizzata a tutelare i bisogni fondamentali dei cittadini europei, dalla sicurezza alla salute, alla salvaguardia ambientale e ad altri elementi connessi all'uso dei prodotti liberamente circolanti sul mercato UE.

Il "Nuovo Approccio" ha introdotto alcuni principi fondamentali:

  • La conformità a determinati requisiti ritenuti essenziali (salute, sicurezza, ambiente), con rinvio alle norme tecniche "armonizzate" per la definizione degli specifici requisiti tecnici applicabili.
  • La presunzione di conformità ai requisiti essenziali di un prodotto conforme ad una norma armonizzata di tipo settoriale (es. metodi di prova, di prodotto, …) o orizzontale (es. 9001).
  • La prassi di fornire al mercato evidenza chiara e visibile della conformità con l'apposizione della marcatura CE sul prodotto coperto da direttiva.


L'esperienza ha però messo in luce vari problemi - dall'incoerenza o assenza delle definizioni all'utilizzo improprio della marcatura CE, alla differenza di criteri per la valutazione e notifica degli Organismi di valutazione della conformità e per la sorveglianza sul mercato - sostanzialmente riconducibili alla mancanza di omogeneità nell'applicazione delle regole tecniche comunitarie (direttive e regolamenti) da parte degli Stati membri.

A tali difficoltà si è inteso ovviare con la revisione del "Nuovo Approccio", concretizzata con l'adozione del pacchetto legislativo in tema di circolazione dei prodotti tra i Paesi della Comunità, pubblicato in Gazzetta ufficiale UE il 13 agosto 2008, dopo approvazione del Parlamento europeo in data 21 febbraio e del Consiglio il 23 giugno.