»  home  »  Sala Stampa  »  Comunicati Stampa

25.11.2010 Convegno "Manifesto della Qualità - Libro Bianco" Accredia - Confindustria SIT 25 11 2010



Si è svolto il 25 novembre a Roma, presso il Ministero dello Sviluppo Economico, il convegno

IL MANIFESTO DELLA QUALITA'
REGOLE, SICUREZZA E COMPETITIVITA'


"Con la nascita di ACCREDIA - ha dichiarato il Presidente Federico Grazioli - il sistema italiano della certificazione si è allineato a quello degli altri Paesi europei e l'ente è pronto a svolgere l'attività di accreditamento anche nei settori cogente e regolamentato, in conformità alle direttive e ai regolamenti UE. A supporto della Pubblica amministrazione, responsabile per la vigilanza del mercato, Accredia offre oggi la propria competenza tecnica in tutte quelle attività, anche nella fase di elaborazione delle norme, di cui si potrà giovare il sistema delle imprese, che con quasi 135 mila certificazioni, dimostra di contare sulla certificazione per affermare il proprio valore e rimanere competitivo".

"La certificazione di parte terza di prodotti, processi, servizi, competenze professionali costituisce lo strumento più efficace per dare valore aggiunto alle produzioni del Made in Italy sui mercati nazionali e internazionali. Con il progetto del Manifesto per la Qualità siamo impegnati a ottimizzare il sistema italiano di certificazione, rafforzandone l'autorevolezza, con l'obiettivo di aprire un percorso per sostituire la logica degli interventi di emergenza, dei controlli formali e farraginosi, della moltiplicazione dei permessi e delle autorizzazioni, a favore di un sistema di valutazioni, controlli e attestazioni di conformità diretto alla prevenzione dei rischi, al mantenimento della sicurezza, alla semplificazione amministrativa, alla crescita di competitività delle imprese, alla tutela dei consumatori".

E' quanto ha affermato Ennio Lucarelli, vicepresidente vicario di Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, nell'aprire i lavori del Convegno "Il Manifesto della qualità: regole sicurezza e competitività".

"Ora l'Italia deve puntare a rendere la qualità una politica concreta per la competitività e la concorrenza - ha concluso Lucarelli - In questa direzione la Federazione, in collaborazione con enti pubblici locali e centrali, si sta attivando per promuovere la semplificazione degli adempimenti amministrativi richiesti alle attività imprenditoriali e professionali e un sistema di accesso a sgravi fiscali per quelle imprese che, oltre a rispettare le regole cogenti, si dotino di strumenti di gestione dei rischi validati e riconosciuti".

Dal canto suo Vincenzo Boccia ha sottolineato che "La cultura della qualità a 360 gradi già riguarda il tessuto imprenditoriale italiano in maniera prevalente rispetto all'Europa, ma richiede comunque uno continuo sforzo comune di Confindustria, del MSE e degli altri ministeri interessati per renderlo più incisivo ed efficace al fine di adeguarlo all'innovazione digitale in atto ed alle sfide globali".

Il convegno è stata l'occasione per la presentazione del Libro bianco "Le Prove, i Controlli, le Valutazioni e le Certificazioni per i prodotti, i servizi, le aziende ed i professionisti", frutto di un ampio e impegnativo riesame delle regole e norme tecniche cogenti e volontarie.

Da qui partirà una campagna nazionale per il superamento degli aspetti critici delle regolamentazioni tecniche cogenti e volontarie e del relativo sistema italiano dei controlli e della vigilanza, mentre a livello territoriale verranno avviate partnership con le componenti imprenditoriali per concorrere a sostenere il Made in Italy.

Il comparto delle certificazioni in Italia è costituito da circa 6 mila imprese e 28 mila addetti, generando un volume d'affari annuo che ammonta a 2,7 miliardi di euro e un valore aggiunto di 1,3 miliardi di euro.


Programma del convegno

Presentazione del Libro Bianco

GIAN RENZO PRATI delegato Qualità Italia

Libro Bianco "Le Prove, i Controlli, le Valutazioni e le Certificazioni per i prodotti, i servizi, le aziende ed i professionisti"
CLAUDIO PROVETTI delegato Comitato di Area CSIT, Prove, Controlli Valutazioni e Certificazione (PCVC)


Lo Scenario del settore: analisi e proposte

Il Manifesto della Qualità: Regole, Sicurezza e Competitività
GIAN NICOLA BABINI Presidente Comitato di Area CSIT, Prove, Controlli Valutazioni e Certificazione (PCVC)

Certificazione come strumento di semplificazione amministrativa
Commissione (Attività produttive, Commercio e Turismo) della Camera dei Deputati

L'Accreditamento in Italia e le politiche europee
FEDERICO GRAZIOLI, Presidente ACCREDIA


Tavola rotonda
Attestazione di conformità a tutela del Made in Italy

ANTONIO DONNAURUMMA, Presidente ACEA Distribuzione
MATTEO GAVAZZENI, Responsabile Norme, Marchi di Qualità e Brevetti, GEWISS SPA
LUISA CRISIGIOVANNI, Direttore Altroconsumo
GIANFRANCESCO VECCHIO, Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica Ministero Sviluppo Economico
LUCIANO SITA, Vice Presidente Nomisma

La certificazione come strumento di valorizzazione delle Imprese
ENNIO LUCARELLI, Vice Presidente Vicario Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Conclusioni
VINCENZO BOCCIA, Vice Presidente Confindustria e Presidente Piccola Industria