News

»  home  »  archivio notizie  »  06.07.2011 Accredia: crescono le certificazioni sulla sicurezza sul lavoro

06.07.2011 Accredia: crescono le certificazioni sulla sicurezza sul lavoro

Sono 2.035 i certificati rilasciati che riguardano 4.529 siti produttivi. Il dato di ACCREDIA conferma anche le buone notizie giunte dal Rapporto Inail 2010 sulla diminuzione delle morti bianche. Sempre più aziende investono quindi sulla salute e sulla sicurezza dei lavoratori, tanto che negli ultimi 12 mesi è cresciuto di oltre il 90% il numero di imprese ed enti certificati.



Cresce la sicurezza nelle aziende e cresce anche il numero delle certificazioni in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro. E' quanto sottolinea ACCREDIA, l'Ente Unico Italiano di Accreditamento, che rende noto come ad aprile 2011 i certificati emessi sotto accreditamento in conformità al Standard OHSAS 18001 (norma che regola i sistemi di gestione della sicurezza) sono stati 2.035 (nello stesso periodo del 2010 erano 1.107) e i siti produttivi certificati (vale a dire il numero di imprese ed enti certificati) hanno toccato quota 4.529, oltre il doppio rispetto al 2010.

Una notizia, questa, che si aggiunge al dato positivo relativo al calo degli incidenti sul lavoro contenuto nel Rapporto Inail Infortuni sul lavoro 2010. ACCREDIA, dal canto suo, non può che sottolineare come investire sulla certificazione del sistema di gestione sia un valore aggiunto per le imprese e per i cittadini, soprattutto in tema di salute e sicurezza sul lavoro.

"Secondo una precedente ricerca dell'Inail, nelle aziende certificate - dichiara Federico Grazioli, Presidente di ACCREDIA - gli indici infortunistici sono inferiori mediamente del 15% per la frequenza degli incidenti e del 20% per la loro gravità".

E le aziende sembrano aver recepito questo messaggio se si considera che i siti produttivi certificati, dal 2008 al 2011, hanno subito una crescita di oltre il 269%, passando dai 1.226 di tre anni fa ai 4.529 dell'aprile scorso.

"Si tratta di un trend positivo che fa ben sperare - continua Federico Grazioli - ma c'è ancora molto da fare. Mai come oggi le imprese debbono porre la massima attenzione alla salvaguardia dell'incolumità dei propri lavoratori. In tal senso l'adozione di un sistema di gestione per salute e sicurezza sul lavoro da parte delle imprese non può essere cosiderato un onere, ma un investimento e rappresenta un impegno verso i propri clienti e verso la collettività. Come ente nazionale di accreditamento - aggiunge il Presidente di ACCREDIA - abbiamo accreditato 20 organismi, riconosciuti competenti per rilasciare certificazioni in base alla norma OHSAS 18001. E vigiliamo sul loro operato con un'intensa e costante attività di verifica. Solo nel 2010 - conclude Grazioli - il dipartimento Certificazione e Ispezione ha realizzato 1084 verifiche, pari a 2.406 giorni uomo".

Andando a dettagliare il dato per area geografica, vediamo come l'attenzione alla sicurezza e alla salute dei lavoratori sia particolarmente concentrata nelle regioni del Nord che, da sole, ospitano il 56,2% dei siti certificati OHSAS 18001. Segue il Centro con il 27,6% e il Sud con il 14,2%.

Il podio regionale vede sul gradino più alto la Lombardia (648 aziende certificate), seguita da Emilia Romagna (555) e Veneto (389). Bene anche la Toscana, con le sue 355 aziende certificate, che è anche la prima regione del Centro davanti al Lazio (337); e la Campania che, con 228 siti certificati, è la regione del meridione più virtuosa in tema di certificazione della salute e della sicurezza sul lavoro, seguita da Puglia (114) e Sicilia (111).