Accredia / Storie di successo

Storie di successo

La gestione efficace dell'energia

La Fondazione del Policlinico Gemelli di Roma ha certificato il proprio Sistema di Gestione dell'Energia, riducendo costi e impatti ambientali e aumentando la qualità dei propri servizi.

Carlo Pesaro, Energy Manager e Responsabile dei Servizi Energetici della Fondazione Policlinico Gemelli di Roma racconta il percorso, le criticità e i benefici del processo di certificazione sotto accreditamento del Sistema di Gestione dell’Energia, secondo la norma UNI CEI EN ISO 50001.

L'esperienza del Policlinico Gemelli

Qual è la mission della Fondazione del Policlinico?

La mission della Fondazione del Policlinico Agostino Gemelli di Roma, quale Policlinico Universitario di ispirazione Cattolica, è quella di offrire ai pazienti umanità, eccellenza e alta specializzazione nelle cure, favorendo la costante innovazione della medicina e formando i professionisti della sanità del futuro. La Fondazione è il luogo in cui competenze scientifiche e tecniche, sensibilità umana, etica e valori cattolici diventano concretamente impegno al servizio di tutti per cure eccellenti e accessibili all’intera comunità.

Quali principi orientano la vostra politica per l'energia?

La Politica per l’Energia, coerente con la mission sopra descritta e con le altre strategie della Fondazione, è stata formulata in relazione ai compiti istituzionali della struttura e alle esigenze degli ospiti, degli utilizzatori e dei fruitori dei servizi ed esprime l’impegno ad attuare un miglioramento continuo in relazione ai risultati conseguiti.

Perché la Fondazione si è certificata UNI CEI EN ISO 50001?

Nel 2016, la Fondazione ha strutturato al suo interno un Sistema di Gestione dell’Energia certificato secondo la UNI CEI EN ISO 50001 con l’intento di garantire una gestione ottimale e costante nel tempo dei propri consumi energetici.

Nella costante ricerca del miglioramento continuo, la Fondazione intende valorizzare ogni aspetto tangibile e intangibile della politica legata ai consumi energetici, in particolare con acquisto di materiali e tecnologie, anche elettromedicali, ad altissima specializzazione e ad alta efficienza e coinvolgendo il personale sanitario, amministrativo e operativo.

Quali soluzioni adottate per un'organizzazione efficace?

L’efficienza e l’efficacia dell’organizzazione viene ricercata con processi di valutazione oggettivi ed assumendo decisioni basate su dati di fatto, gestendo quindi tutte le attività come elementi di processi fra loro interconnessi, continuamente migliorati per assicurare il rispetto della normativa di legge e il raggiungimento degli obiettivi e traguardi di miglioramento prefissati.

In questa direzione l’obiettivo consiste nell’applicare soluzioni tecnologiche negli investimenti già pianificati e riguardanti la ristrutturazione dei reparti al fine di migliorare il comfort ed il servizio reso ai pazienti diminuendo il consumo energetico.

Qual è la leva per raggiungere gli obiettivi?

La Fondazione ritiene che il coinvolgimento e la soddisfazione dei dipendenti siano importanti per il raggiungimento degli obiettivi, in quanto il contributo di ciascuno è fondamentale per il successo dell’organizzazione: per questo contiamo sul supporto di risorse aggiornate e competenti che operano nell’ambito di un sistema di gestione con procedure operative definite ad hoc per la specifica realtà, e che pongono particolare attenzione alle attività di manutenzione, progettazione e acquisto di impianti e apparecchiature elettromedicali con consumi energetici significativi.

La Fondazione, cosciente di questo, valorizza e responsabilizza le proprie risorse umane, promuovendo e finanziando iniziative e attività formative che contribuiscono a dare nuovi stimoli e proposte, in relazione ai nuovi bisogni che man mano si prefigurano.

Avete riscontrato criticità nel processo di certificazione?

Il coinvolgimento del personale sanitario, amministrativo e operativo richiede uno sforzo significativo indirizzato a sensibilizzare e favorire il cambiamento dei comportamenti (behavioural change) di questi soggetti, nell’ottica di ottenere una fattiva collaborazione con la struttura per la riduzione e/o segnalazione di inefficienze e potenziali recuperi di efficienza.

Quali sono sono stati i benefici della certificazione?

L’adozione dello standard UNI CEI EN ISO 50001 consente alla Fondazione di gestire in modo efficace il proprio Sistema di Gestione dell’Energia e programmare meglio gli interventi di risparmio energetico riducendo i costi ed aumentano la qualità dei servizi, in relazione all’evoluzione dei fabbisogni.

L’obiettivo di risparmio energetico da conseguire entro il 2017 prevede una riduzione del consumo totale pari all’1,4%, ovvero 1.415 MWh. Ulteriori benefici derivanti dalla certificazione ISO 50001 sono correlati alla riduzione dell’impatto ambientale mediante l’utilizzo delle strutture ad alto consumo energetico in maniera più efficiente e all’aumento dell’affidabilità degli impianti tecnologici.