Accredia / MATERIALI DI RIFERIMENTO / Pubblicata la norma italiana UNI CEI EN ISO 17034 per i produttori di materiali di riferimento

Pubblicata la norma italiana UNI CEI EN ISO 17034 per i produttori di materiali di riferimento

notizia
10 novembre 2017

E’ stata pubblicata la norma italiana UNI CEI EN ISO 17034/2017 “Requisiti generali per la competenza dei produttori di materiali di riferimento” che recepisce la ISO 17034:2016 “General requirements for the competence of reference material producers” emessa a livello internazionale a novembre dello scorso anno.

Lo standard rappresenta un importante tassello della normativa sulla valutazione della conformità della serie ISO/IEC 17000, poiché, anche nei Paesi europei in cui si applica il Regolamento CE n. 765/2008, la produzione dei materiali di riferimento (RM – Reference Materials) e, tra essi, dei materiali di riferimento certificati (CRM – Certified Reference Materials) potrà essere svolta in conformità a una norma riconosciuta a livello internazionale, con benefici importanti per gli operatori e i loro clienti.

L’utilizzo dei materiali di riferimento nel controllo della qualità dei risultati delle misurazioni, della produzione industriale e dei servizi, infatti, potrà estendersi ed articolarsi in analogia con quanto avvenuto negli altri campi della valutazione della conformità, dalle certificazioni alle ispezioni, dalle prove alle tarature.

L’accreditamento di produttori di materiali di riferimento si gioverà inoltre dell’estensione degli Accordi internazionali di Mutuo Riconoscimento a livello europeo (EA MLA) e mondiale (ILAC MRA).

In dettaglio, la norma rappresenta un’evoluzione della ISO Guide 34, e permetterà di superarne i limiti di applicazione. Tra gli elementi di miglioramento si segnalano le seguenti caratteristiche:

  • contiene i requisiti per la produzione di ogni tipo di RM, e quelli specifici per i CRM;
  • è armonizzata alle Guide ISO 31 e 35, che sono indicate come riferimenti informativi in bibliografia, mentre la ISO/IEC 17025 è indicata come riferimento normativo;
  • contiene maggiori dettagli sulla documentazione richiesta per i RM;
  • richiede l’applicazione dettagliata del concetto di imparzialità e di valutazione dei rischi e delle opportunità (secondo il cosiddetto “approccio basato sul rischio” che permea tutte le norme applicabili agli operatori di valutazione della conformità di “ultima generazione”);
  • è stata ristrutturata in base alle regole ISO/CASCO definite nei cosiddetti common elements.
  • al punto 7 sono dettagliati tutti i processi coinvolti nella produzione di RM e l’apparato delle note fornisce ulteriori spiegazioni.

Essa può dunque configurarsi come una vera e propria milestone sulla quale edificare – nell’ambito del processo di “naturale evoluzione” delle Guide ISO/IEC in norme della serie ISO/IEC 17000 – un vero e proprio corpus normativo in materia.