Accredia / Progetti internazionali / Africa, gli organismi accreditati da Accredia manterranno gli standard autofinanziandosi

Africa, gli organismi accreditati da Accredia manterranno gli standard autofinanziandosi

Notizia
10 luglio 2018

Il progetto, finanziato dall’Unione europea per un importo complessivo di 12 milioni di euro, è iniziato nel luglio 2017 e si è concluso lo scorso 31 maggio, con l’organizzazione di cinque missioni in quattro Paesi dell'Africa occidentale.

Si sono concluse lo scorso 31 maggio con l’invio a UNIDO del rapporto finale, le attività svolte da Accredia per l’accreditamento di quattro organismi di certificazione in Benin, Costa d’Avorio, Niger e Senegal. L’Ente, selezionato da UNIDO, ha guidato il progetto di qualificazione degli organismi africani in conformità agli standard internazionali, rispondendo al WAQSP (West Africa Quality System Programme) che supporta i membri di ECOWAS (Economic Community of West African States) nell’implementazione delle infrastrutture statali di assicurazione della qualità.

Gli organismi di certificazione accreditati, che appartengono ai paesi della Comunità Economica degli Stati dell’Africa dell’Ovest (CEDEAO), hanno già comunicato che intendono mantenere l’accreditamento autofinanziandosi, e chiederne l’estensione per nuove attività e settori di certificazione.

Il progetto, finanziato dall’Unione europea per un importo complessivo di 12 milioni di euro, è iniziato nel luglio 2017 e ha comportato l’organizzazione di cinque missioni nei quattro paesi. Lo scopo è quello di rilanciare il commercio intra regionale e internazionale, proteggere il consumatore e l’ambiente e promuovere lo sviluppo economico sostenibile.

Gli organismi coinvolti sono l’Agence Nationale de Métrologie in Benin, la Codinorm in Costa d’Avorio, l’Agence Nationale de Vérification de Conformitè aux Normes per il Niger e l’Association Sénégalaise de Normalisation per il Senegal, che rilasciano certificazioni per varie tipologie di prodotti (di consumo e di uso industriale).

Tutti e  quattro gli organismi hanno dunque ottenuto l’accreditamento secondo la norma ISO/IEC 17065 e vigileranno su pratiche e procedure di produzione nei settori di competenza, in modo da garantire il rispetto degli standard fissati a livello internazionale.