Accredia / Agroalimentare / Osservatorio in pillole.
Agroalimentare, aumenta l’export delle eccellenze italiane

Osservatorio in pillole.
Agroalimentare, aumenta l’export delle eccellenze italiane

Notizia
19 dicembre 2018

Le eccellenze agroalimentari italiane sono sempre più apprezzate sui mercati esteri, grazie a un sistema di controlli da parte di organismi pubblici e privati accreditati che assicurano la conformità ai regolamenti europei e il rispetto dei disciplinari di prodotto.

Anche nel 2018 l’Italia mantiene il primato mondiale per numero di Indicazioni Geografiche (IG). Secondo il Rapporto 2018 Ismea – Qualivita sono infatti 822 i prodotti italiani a marchio di qualità DOP, IGP e STG registrati a livello europeo, di cui 299 per il comparto agroalimentare e 853 per il mercato vitivinicolo, su un totale di 3.036 prodotti nel mondo.

È un’eccellenza italiana, quella dell’agroalimentare di qualità, legata a doppio filo con uno stile di vita riconosciuto a livello internazionale come più salubre e sostenibile. La dieta mediterranea, esportata in tutto il mondo come modello nutrizionale, è sempre stata associata a valori quali la salute e il benessere, il rispetto dell’ambiente e dei territori. Alla base di questo modello ci sono la qualità e la sicurezza quotidianamente garantite da un sistema di controlli in cui operano organismi pubblici e privati accreditati da Accredia e autorizzati dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari Forestali e del Turismo.

Esportare prodotti legati a un territorio e a tradizioni culturali ben definite equivale a esportare cultura. Una cultura che i consumatori in tutto il mondo riconoscono e premiano, come dimostrano gli 8,8 miliardi di euro di valore dell’export 2017 delle Indicazioni Geografiche, in aumento del 4,7% rispetto al 2016 e pari al 21% dell’export agroalimentare italiano. Con un valore alla produzione di circa 7 miliardi di euro per il food e oltre 8 miliardi per il settore wine, le IG sono un traino per tutta l’industria agroalimentare italiana e contribuiscono al 18% del valore economico complessivo del settore a livello nazionale.

Oltre all’export, tirano i consumi interni delle indicazioni geografiche, grazie al trend positivo nella grande distribuzione organizzata, che registra in un anno +6,9% per le vendite di prodotti alimentari e +4,9% per i vini DOP e IGP. La GDO, con le sue dinamiche di crescita, arriva a rappresentare nel 2017 il 56,2% delle vendite delle indicazioni geografiche food & wine, consolidando il ruolo di driver indiscusso per la distribuzione dei prodotti di qualità a marchio DOP, IGP e STG.

A livello europeo, su circa 3.000 prodotti a indicazione geografica, 822 sono italiani, circa 150 in più rispetto alla Francia, che è il secondo Paese per numero di prodotti registrati. Guardando al solo settore food, con 299 IG, mediamente l’Italia rappresenta il 21% delle denominazioni europee arrivando a una quota di circa il 30% nei settori oli e grassi e ortofrutticoli e cereali.

Tali numeri delineano un mercato dei prodotti DOP, IGP e STG in costante crescita e di primaria importanza per l’economia del nostro Paese. La fiducia dei consumatori nelle certificazioni di qualità degli alimenti è garantita da un sistema europeo dei controlli, finalizzato a verificare la conformità dei prodotti ai disciplinari di produzione riconosciuti, monitorando nel contempo l’uso dei nomi registrati sui prodotti immessi in commercio.

Tale sistema è basato, oltre che sulla vigilanza affidata all’Autorità pubblica e all’autocontrollo dei produttori, sulle attività degli organismi di controllo pubblici e privati autorizzati dal MIPAAFT, che nel caso di soggetti privati devono essere anche accreditati da Accredia. Il rispetto dei disciplinari di produzione da parte degli operatori DOP, IGP e STG è fondamentale per il buon funzionamento dei mercati, ed è basata proprio sul sistema dei controlli di cui Accredia è parte integrante, dal momento che rilascia gli accreditamenti agli organismi che operano in conformità ai Regolamenti europei applicabili e agli standard e documenti tecnici applicabili.

Nel 2018, le attività di verifica di Accredia in questo settore, tra visite presso gli organismi e visite in accompagnamento presso le aziende certificate, hanno raggiunto le 142 giornate di valutazione e hanno riguardato 29 organismi di controllo.

Di questi, 25 sono accreditati per la certificazione dei prodotti agroalimentari ai sensi del Regolamento UE 1151/2012, e 9 operano sotto accreditamento nel mercato vitivinicolo, in cui si applicano i Regolamenti UE 1306 e 1308/2013.