Accredia / Istituzionale / L’accreditamento in Italia, 40 anni di storia consultabili on line dal 14 maggio

L’accreditamento in Italia, 40 anni di storia consultabili on line dal 14 maggio

Notizia
30 aprile 2019

Per celebrare 10 anni di attività, Accredia ha realizzato l’archivio storico dell’accreditamento, che ripercorre le tappe e racconta l’evoluzione del Sistema Qualità Italia, dalla nascita di Sit, Sinal e Sincert fino agli sviluppi più recenti.

Documenti, aneddoti e citazioni dei momenti più salienti e delle figure più rilevanti. L’archivio storico on line, realizzato da Accredia per celebrare i suoi 10 anni di attività, è un mini-sito in cui consultare tutti gli atti più importanti della storia dell’accreditamento italiano, dai suoi primi passi ai 10 anni di attività dell’Ente unico Italiano di Accreditamento, che verranno celebrati il prossimo 14 maggio, durante l’Assemblea dei Soci.

Sarà presto visibile il progetto nato per dare valore al passato e al presente, e per orientare il futuro dell’Ente, partendo dalla creazione di Sit, Sinal e Sincert, attraverso il percorso di unificazione, fino agli sviluppi più recenti. Una raccolta di materiali storici, lettere, contributi scritti ad hoc e immagini, divisi per argomento e per autore.

“Per i 10 anni di attività di Accredia, abbiamo deciso di realizzare qualcosa che celebrasse il Sistema italiano della qualità – spiega il Presidente, Giuseppe Rossi – e lo abbiamo fatto anche attraverso questo preziosissimo archivio on line, che testimonia il grande lavoro di tutti coloro che hanno contribuito alla nostra crescita, con un pensiero particolare a chi purtroppo non è più con noi, a beneficio dei colleghi di oggi e di quelli del futuro”.

La raccolta dei documenti storici comprende un arco cronologico che va dalla metà degli anni ’70 al 2010. Si tratta di piccole raccolte documentarie, in cui fondamentali per la ricostruzione della storia sono state le testimonianze di alcuni dei protagonisti dei singoli Enti, come Mario Mosca per Sit, Roberto De Giovanni per Sinal, Alberto Musa per Sincert.

Suddiviso in cinque “capitoli” Sinal, Sincert, Sit, Percorsi verso l’Ente Unico, Accredia, la ricostruzione storica si basa sui “Fondi” redatti dagli stessi protagonisti, in cui sono raccolti i documenti relativi alla costituzione dell’Ente, allo svolgimento dell’attività, alle convenzioni con istituzioni ed Enti, agli Accordi internazionali, alla divulgazione tramite convegni e seminari. Il tutto cercando di tracciare il contesto socio-economico in cui ogni Ente si è sviluppato, con un accento particolare sulla competenza e sulla reputazione, nazionale e non, acquisita nel corso degli anni.

“Le storie archivistiche di Sinal, Sincert e Sit – osserva il Direttore di Accredia, Filippo Trifiletti – ci permettono di entrare in contatto con il lavoro importante fatto in questi anni per lo sviluppo del mondo dell’accreditamento, evidenziando un percorso non facile, che si è avvalso di personalità fondamentali per la sua crescita. Mi vengono in mente i saggi del Prof. Giacomo Elias e del Dott. Sergio Allulli, che compongono la serie denominata “Materiale pubblicistico” nella Storia archivistica di Sinal – continua Trifiletti – o i documenti relativi alle diverse stesure del “Manuale Qualità”, un caposaldo per la storia dell’accreditamento italiano”.

La serie “Percorsi verso l’Ente Unico” contiene inoltre i documenti che precorrono la costituzione di Accredia, e che si riferiscono alle numerose forme organizzative con cui si è tentato di raggiungere l’obiettivo di costituire un Ente Unico di accreditamento, in un arco di tempo di circa cinque anni (2004-2009). Importante in questa fase la lettura del contesto legislativo in costante evoluzione, orientato a razionalizzare il sistema di accreditamento europeo, e quindi italiano.

Infine, il “capitolo” dedicato ad Accredia, che parte dalla serie “Fusione”, quella tra Sinal e Sincert, che ha rappresentato la base per la costituzione dell’Ente.

Consultando l’archivio, è possibile ripercorrere anche le storiche e significative relazioni con gli Enti di accreditamento stranieri. “Grazie agli accordi internazionali di mutuo riconoscimento gestiti da EA, IAF e ILAC, di cui Accredia è firmataria – continua Trifiletti – le valutazioni di conformità rilasciate dagli organismi e dai laboratori accreditati sono accettate in tutti i Paesi aderenti al sistema globale dell’accreditamento. Questa è una delle eredità che ci hanno lasciato Sit, Sinal e Sincert, per cui l’attività internazionale ha sempre rivestito un ruolo strategico”.

L’archivio storico permette di capire come la nascita di Sinal, Sincert e Sit abbia gettato le basi per il sistema dell’accreditamento italiano, ritenuto fin da subito, come si legge nelle carte, un bisogno fondamentale per lo sviluppo del tessuto imprenditoriale italiano oltre i confini nazionali, con il supporto costante della Pubblica Amministrazione.